skip to Main Content
ITINERARI
ITINERARI

Dal nostro comodo pontile al porto turistico di Arbatax è possibile raggiungere agevolmente numerose splendide località della costa orientale della Sardegna

CEA E I FARAGLIONI

I faraglioni di Cea, noti come “is scoglius arrubius”, alti venti metri sono caratterizzati dal colore rossastro di questo particolare granito.
Si trovano nella parte centrale della spiaggia, a 300 metri dalla riva.  La spiaggia di Cea si distingue per una sabbia fine e particolarmente morbida, mentre il fondale basso è ideale per le famiglie con bambini

CALA GINEPRO

Questa piccola insenatura di circa 300 metri, si immerge in acque trasparenti e dalle infinite tonalità: azzurro, turchese e verde. Il fondale è basso, ideale per i bambini, con qualche scoglio affiorante, meta di appassionati di snorkeling,  Sabbia chiara, sottilissima e morbida si mischiamo sassolini levigati dall’erosione del mare. Scogli, bassi e tondeggianti, bordano la spiaggia in alcuni tratti facendola sembrare una piscina a cielo aperto.
Prende il nome da una piccola pineta di ginepri dalle forme particolari a ridosso del litorale, che offre riparo nelle ore più calde, nonché un’area pic-nic. È chiamata anche ‘il golfetto’, perché chiusa, quasi abbracciata, da due scogliere.

LIDO DI ORRI'

considerata una delle spiagge più belle e caratterizzanti della costa orientale dell’Isola, di certo è la più ampia e lunga: 16 chilometri di piccole insenature, contornate di scogliere granitiche che portano ciascuna a deliziose spiaggette, quasi mai affollate. Il suo litorale è il più premiato in Sardegna con le ‘bandiere blu’ di Legambiente. L’arenile di Orrì è formato da sabbia bianca e dorata, finissima e soffice, quasi impalpabile. Il fondale, basso per circa 300 metri dalla riva, digrada dolcemente e permette ai nuotatori meno esperti di immergersi senza preoccupazioni, ideale anche per i giochi dei bambini.

PORTO FRAILIS

E’ una piccola e bella spiaggia ad appena un chilometro da Arbatax, il porto di Tortolì, riservata, protetta dai venti. La limpidezza del mare, sostenibilità e servizi adeguati intorno le sono molto spesso valse il riconoscimento della Bandiera Blu della Fee (Foundation for environmental education). I fondali sabbiosi, con qualche tratto ciottoloso, digradano dolcemente verso il largo, contribuendo, insieme al verde mediterraneo che ricopre i promontori attorno, alla sensazione di tranquillità e relax di questo piccolo angolo di paradiso dell’Ogliastra.

PISCINE DI VENERE

Uno dei tratti più suggestivi della costa di Baunei. Lucentezza, limpidezza e i colori brillanti sono dovuti alle numerose risorgive d’acqua dolce che sgorgano nella scogliera prospiciente e alle rocce calcaree chiarissime che punteggiano il suo fondale prevalentemente sabbioso.
Il tratto di mare di tale bellezza borda una caletta di sabbia mista a sassolini di ridotte dimensioni – lunga appena 50 metri -, ma ad alto gradimento: dal 2019 è al vertice della classifica stilata da un noto motore di ricerca (Holidu) sulle spiagge italiane più amate in base dalle recensioni dei viaggiatori.

CALA MARIOLU

Nota anche come is pùligi de nie (le pulci di neve) per i sassolini tondi, bianchi e rosa, misti alla sabbia, che la compongono. Cala Mariolu, deve il nome alla foca monaca che, si dice, ‘rubasse’ il pescato dalle reti dei pescatori provenienti da Ponza, perciò era detta il mariolo (ladro). Il suo panorama colpisce per le tonalità infinite di blu, verde smeraldo e azzurro e per i sassolini che sembrano fiocchi di neve. La falesia che la circonda raggiunge i 500 metri di altezza e cade a picco sull’acqua sia a nord che a sud, rendendo Cala Mariolu accessibile fondalmentalmente dal mare. Da terra è possibile solo attraverso un impegnativo trekking (per esperti) in mezzo a fitta macchia mediterranea.

CALA GOLORITZE'

Questa celebre insenatura si trova a dieci miglia nord da Santa Maria Navarrese, dove il roccioso litorale arretra dolcemente verso l’interno in una scenografica insenatura. La spiaggia qui è formata dauna miriade di sassolini bianchi levigati, mentre il fondale è di una trasparenza surreale.
Infatti le  acque turchesi sgorgano da sorgenti carsiche sottomarine, e la spiaggia è circondata da rocce marmoree che affiorano dal mare.
Il tutto è sormontato da un arco naturale e la celebre guglia di Monte Caroddi che svetta con i suoi 143 metri . Tutto intorno imponenti falesie alte 500 metri ricoperte da macchia mediterranea. Da non perdere

PEDRA LONGA

Pedra Longa è uno degli elementi più caratteristici della costa Ogliastrina.
Questo imponente blocco calcareo è parte integrante del vastissimo tavolato di Baunei, e deve la sua fama alla catatteristica conformazione a guglia che la solleva dal mare sino a un’altezza di 128 metri, direttamente direttamente a picco nel mare.
Da questo picco roccioso, anticamente detto Agugliastra, prende addirittura il nome tutta l’area, ovvero l’Ogliastra . Era infatti questo il nome che era dato dai marinai all’intero tratto di costa che oggi corrisponde all’attuale provincia, e segnalata fin nei più antichi portolani perché riferimento visibile a numerose miglia di distanza.

× Ciao, posso aiutarti? Hello, can I help you?